Se penso alle mie prime esperienze nel mondo blockchain, penso a Banano. Probabilmente non è stato il primo progetto al quale mi sono approcciato, ma è stato sicuramente determinante nel mio percorso in questo settore emergente che è l’economia digitale decentralizzata. Ma partiamo dal principio.

ban1.jpg

Sono venuto a conoscenza della Giungla tramite un articolo postato su Publish0x. Se la memoria non m’inganna, il post esponeva le attività natalizie che la community stava organizzando e i giveaway di cui avrebbero beneficiato i cittadini del server. L’idea di diventare cittadino di una community virtuale mi ha subito affascinato (ero attratto anche dai BAN gratis, naturalmente) così sono entrato nel server ed ho scoperto che per ottenere la cittadinanza serviva impegno, costanza e cooperazione con gli altri utenti. Bello! Ma non mi sono applicato da subito.

ban2.PNG

Scoperto anche il canale Telegram (@officialbananoitalia) e conosciuto il community manager italiano, il grande @Frena91, ho iniziato ad interagire con gli utenti e, da cosa nasce cosa, ho scoperto il [email protected], meglio conosciuto come Banano Miner. Avendo già avuto una (breve) esperienza di mining di BTC anni addietro, ho voluto sperimentare questo programmino che, sfruttando la potenza computazionale dei nostri pc per aiutare la ricerca scientifica, permette di guadagnare dei BAN. La cosa inizia a piacermi parecchio e, il 25 gennaio 2021, scrivo il mio primo articolo dedicato a “Banano: join the Republic!”. Il momento è catartico: trovo il coraggio di postarlo sul gruppo Telegram, le altre scimmiette lo trovano utile e boom, dopo due settimane, con l’aiuto di @Frena91 (che per me è “il boss”), pubblico un secondo articolo: La Boom Proof of Work. Nasce il blog “Banano Republic”, che ad oggi conta 15 articoli (16 con questo).

Il 22 febbraio è finalmente arrivata la cittadinanza. Poco prima delle 18.00 la mitica Emilia (@HngEm), poliziotta incorruttibile della nostra community italiana, ha digitato il comando magico e mi ha conferito questo ambitissimo ruolo.

cittadinanza!.PNG

Ancora oggi ricordo quel pomeriggio, quando mi sono sentito a pieno titolo membro di una nuova, grande famiglia, senza confini.
Come ogni cittadino saprà, al conferimento della cittadinanza viene richiesto di redigere un poema celebrativo. Nell'immagine trovate il mio.

oscarPoem.PNG

Il 3 giugno, poi, il Boss a sorpresa mi ha insignito del ruolo di Fanta, per aver contribuito a diffondere il verbo di Banano e per un’attitudine positiva che non sapevo neanch’io di avere, pensate un po’.
Pochi giorni dopo, su consiglio del celebre @macaleon, ho trovato il coraggio di farmi avanti e scrivere alla fantastica @SoggyApplePie (che ha fatto perdere la testa a più di una scimmietta nella giungla) per chiedere di iniziare a scrivere sul Daily Peel, la webzine ufficiale di Banano.

fanta.PNG

A questo punto l’articolo inizia ad apparire un po’ presuntuoso. Potrebbe addirittura sembrare che abbia dato più io a Banano di quanto Banano abbia dato a me, ma è assolutamente vero il contrario.
Grazie a Banano ho scoperto il [email protected] e la Boom PoW, con la quale per la prima volta ho sperimentato la convalida delle transazioni per una blockchain. Grazie a Banano ho scoperto diverse piattaforme di trading (ché senza di lui ero ancora bloccato su Binance e Coinbase) e ho imparato (o meglio sto ancora imparando) a fare i tutorial e a scrivere articoli capaci di aiutare altre persone ad orientarsi nella crypto-sfera. Sempre grazie a Banano ho iniziato a giocare ad Alien Worlds, blockchain game dal quale ormai non riesco più a separarmi. Grazie a Wrapped Banano ho avuto la possibilità di mettere in campo le mie conoscenze in tema di Finanza Decentralizzata, prima su BSC e poi su Polygon.

wraplove.PNG

Grazie a Banano posseggo una delle collezioni di NFT che mi è più cara, cryptomonKeys. Insomma, grazie a Banano ora conosco più aspetti della blockchain di quanti ne avrei mai potuti scoprire in meno di un anno senza la straordinaria community che si cela dietro questa meme-coin.

ban3.PNG

Eccoci arrivati al dunque, perché una delle cose più importanti che ho imparato grazie a Banano è che la forza di una criptovaluta la fanno soprattutto la community e il team che ci sono dietro. E la Giungla è la community più bella e affiatata che ad oggi sono riuscito a scovare. Quindi arrivo ai ringraziamenti.
Un immenso grazie a tutto il team di Banano per aver messo su questo bendiddio di community e per aver creato (o forkato, in questo caso) una moneta perfetta per l’apprendimento delle criptovalute, dai wallet non-custodial (siano benedetti Kalium e Banano Vault) alla DeFi con wBAN.
Poi vorrei ringraziare gli amici. Eh sì perché, anche se virtuali, li considero tali a tutti gli effetti. Gli amici della giungla (non me ne vogliano gli amici di Telegram, ma mi limiterò al quartier generale, anche se la maggior parte sono su entrambi i social) sono probabilmente troppi da menzionare (soprattutto per la memoria di un ultra trentenne come me con un adolescenza burrascosa, per giunta), ma ci voglio provare (non in ordine di importanza, sarebbe davvero troppo): @Macaleon (che ringrazio anche per l’editing di molti articoli e per tutte le collaborazioni), @Frena91 (per avermi incoraggiato e coinvolto sempre), @HngEm (per essere stata la mia prima guida su Discord), @WhiteFlag (per l’aiuto incondizionato, soprattutto nei primi tempi), @Sergio_io (grazie per la spiccata simpatia e soprattutto per il supporto costante), @Trollime (l’infaticabile), @GR333N (amico di tutte le community), @Chiara/BANANO (per i pomeriggi in radio e i testi degli eventi scritti a quattro mani), @Sarita (per le chiacchierate pre-cena), e poi @leoperfe, @Panofsky81, @Mkexx, @bananmonia, @Eagle71, @Tonydec, @worah, @LyzBot, @wrap-that-potassium, @Phantoad (il re delle schedine), @SupremeChancellorPalpatine, @jus7e, @Angelo95, @qwertyuiopsensei, @mokok, @LegendaQKLY, @TyroneFromJail, @mirkolone, @MyNicolas, @ros, @MASSY/BANANO. Ce ne sono altri, so che li sto dimenticando, ma sicuramente mi perdoneranno (anche perché, visto quanto mi sono dilungato, dubito che i più siano arrivati a leggere fin qui). Grazie a tutti voi, menzionati e non, ho capito che nell’anarchia della Giunga si cela la speranza per un sistema di governance migliore, decentralizzato, libero e accessibile a tutti. Vi lascio con il mio meme preferito, ad opera di @Frena91, che spiega meglio di queste mille parole il mio rapporto con Banano (tanto che me lo sono fatto anche stampare su una maglietta, che nella foto sfoggio sulla magnifica Costa dei Trabocchi, il mio mare).

ban4.jpg

Viva la BanFam, e che il potassio sia con voi!

P.s. Tutte le immagini contenute nell'articolo, se non diversamente specificato, sono screenshot o grafiche utilizzate nei miei precedenti post. La maggior pare dei collegamenti che troverete vi rimanderanno a miei post su Banano, scusate l'autoreferenzialità, ma ci stavano bene.